Che tipo di investimento fare con il capitale che si ha a disposizione? Meglio investire in azioni o meglio il caro mattone? Ogni qualvolta il mercato va in fibrillazione, a causa di crisi più o meno gravi, negli ultimi anni, si corre alla ricerca del bene rifugio preferito, quello sul quale puntare senza paura di perdere. Per gli italiani, appare subito chiaro, si tratta senza dubbio della casa. Ma è davvero così, ad un’analisi razionale e condotta da esperti?

Se quello che si desidera è un investimento, allora ci si dovrà per forza di cose far guidare da un atteggiamento il più possibile scevro da pregiudizi, cercando solo di massimizzare il fattore guadagno. Sicuramente, comunque, il contesto è molto importante e quindi l’analisi va condotta a 360 gradi, tenendo conto di quelli che sono gli scenari complessi attuali.

Per prima cosa, comunque, possiamo notare come i prezzi siano ancora più bassi del normale, attestatisi sui livelli di circa cinque anni fa. Un gran vantaggio per chi acquista, ma molto dipende dalle zone. In alcune città, infatti, non solo non si sono registrati cali ma addirittura vi sono stati aumenti.

Importante, poi, anche capire quanto una casa è in grado di rendere. Diciamo che, in genere, se confrontato con l’affitto che è possibile ricavare da esso, mediamente un immobile dovrebbe essere in grado di fruttare intorno al 3,8%. Anche in questa circostanza, però, fate attenzione al luogo in cui sorge l’appartamento di vostro interesse: una grande città non è certo paragonabile ad una piccola provincia nell’interno.